La Reale Mutua Fenera Chieri ’76 batte 3-0 Casalmaggiore e si regala la Coppa Italia

La Reale Mutua Fenera Chieri ’76 batte 3-0 la Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore e centra la quarta vittoria consecutiva, la seconda di fila da 3 punti dopo l’1-3 a Bergamo, ritrovando anche quel successo per 3-0 che mancava dal 7 novembre. Un bottino complessivo di 10 punti su 12 in quattro turni che a due giornate dal termine del girone d’andata garantiscono un posto fra le prime otto e la qualificazione alla Coppa Italia. Davvero le biancoblù non potevano chiedere di più dall’ultima partita al PalaFenera prima di Natale.
Le ragazze di Bregoli chiudono i conti in un’ora e 23′ di gioco, conducendo in porto un incontro ottimamente interpretato e quasi sempre condotto. I primi due set vengono vinti 25-21 e 25-16, con qualche errore di troppo al servizio (soprattutto il primo) e un grande contributo del muro; la terza frazione, più lottata, si risolve sul 22-22 a favore delle padrone di casa.
Miglior realizzatrice Villani con 18 punti, seguita da Grobelna (16) e Mazzaro (10), quest’ultima premiata MVP. Dall’altra parte della rete spiccano i 13 punti di Shcherban, di cui ben 8 nel terzo set.

Reale Mutua Fenera Chieri ’76-Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore 3-0 (25-21; 25-16; 25-22)
REALE MUTUA FENERA CHIERI ’76: Bosio 1, Grobelna 16, Mazzaro 10, Alhassan 6, Cazaute 9, Villani 18; De Bortoli (L); Perinelli, Frantti 4. N.e. Bonelli, Karaoglu, Weitzel, Guarena, Armini (2L). All. Bregoli; 2° Sinibaldi.
VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE: Bechis 2, Malual 6, Zambelli 4, White 4, Braga 4, Shcherban 13; Carocci (L); Di Maulo, Ferrara, Mangani, Szucs 3, Guidi 1. N.e. Rahimova (2L). All. Volpini; 2° Zagni.
ARBITRI: Pozzato di Bolzano e Papadopol di Mantova.
NOTE: presenti 627 spettatori. Durata set: 26′, 21′, 28′. Errori in battuta: 10-4. Ace: 3-3. Ricezione positiva: 66%-60%. Ricezione perfetta: 35%-34%. Positività in attacco: 45%-31%. Errori in attacco: 11-6. Muri vincenti: 11-4. MVP: Mazzaro.

La cronaca
Primo set – Ottima partenza di Chieri che strappa rapidamente a 5-1 (muro di Mazzaro) e 9-2 (Grobelna), spingendo Volpini a chiamare il primo time-out. Da 10-4 Casalmaggiore ricuce a 11-7. Cazaute e Mazzaro ripristinano le distanze, ma sul 13-7 tre errori biancoblù in attacco e un muro di Braga spingono Bregoli a fermare il gioco sul 13-11. Il set si decide a favore delle padrone di casa con l’allungo da 16-13 a 19-13 su servizio di Cazaute. Nel finale Chieri mantiene le distanze e chiude 25-21 al secondo set point con un muro di Mazzaro.

Secondo set – Rispetto al primo set l’avvio è più equilibrato, ma sul 6-4 l’inerzia gira a favore delle biancoblù che salgono a 9-4, toccando poi il vantaggio di 7 punti sul 16-9. Volpini tenta qualche cambio con gli ingressi di Szucs, Mangani e Di Maulo, senza ottenere però benefici significativi. Dall’altra parte della rete intanto Bregoli cambia le bande mettendo dentro Perinelli e Frantti, quest’ultima subito a segno sul 20-13. Dopo la diagonale vincente di Villani che vale il 24-16, Chieri concretizza la prima palla set grazie all’errore in attacco di Szucs.

Terzo set – Da 3-3 e 7-7 Chieri tenta un primo allungo a 11-8, mantenendo qualche lunghezza di vantaggio fino al 16-13 (muro di Bosio). Due muri di Guidi e Malual e un errore in attacco di Grobelna riportano il punteggio in parità a 16. Nuovo allungo chierese da 18-18 a 20-18 con Grobelna e Alhassan, ma di nuovo Casalmaggiore si riporta in parità con Shcherban (22-22). Alhassan e Frantti danno quindi due palle match alle biancoblù. Nello scambio successivo il servizio di Alhassan chiude set e partita.

Il commento
Alessia Mazzaro: «Vincere in casa con i tifosi che ci sostengono dall’inizio alla fine è bellissimo, non ha prezzo. Siamo contentissime di aver vinto così. Ci stiamo impegnando, stiamo lavorando tanto e ce lo meritavamo. Continuiamo su questa strada, è quella giusta».
Marina Zambelli: «Tornare qua mi ha fatto effetto, anche se desideravo farlo per salutare molte persone che lo scorso anno, con il Covid, non potevano entrare al palazzetto. Sapevamo che sarebbero stato un palazzetto e una partita complicati e dobbiamo fare i complimenti a Chieri per come ha affrontato il match. Noi dobbiamo lavorare un po’ su tutto, in particolare sulla continuità perché oggi riuscivamo a stare al loro ritmo solo a tratti».

(Foto di Gabriele Sturaro)