Chieri ’76-Villa Cortese, buon 3-1 per ripartire con entusiasmo

Contavano soprattutto i 3 punti e il Famila HabiMat non ha fallito l’appuntamento. Dopo tre sconfitte consecutive al tie-break il Chieri ’76 sfrutta al meglio il primo dei due turni casalinghi e ritrova la vittoria con Villa Cortese con un buon 3-1.
La formazione di Max Gallo guadagna il risultato confrontandosi pallone su pallone contro avversarie giovani e talentuose, attaccate alla partita fino a metà del quarto set. Persa a 17 una prima frazione giocata in modo contratto, nella seconda e nella terza le chieresi mostrano la pazienza e la concentrazione mancate in altre gare, variando spesso colpi in attacco e soluzioni. Fra le ospiti spicca la prova della banda Miriam Sylla che mette a referto 24 punti.
Buon rientro in regia di Sonia Goria, titolare nel sestetto iniziale e in campo per tutti i quattro set. Fra le biancoblu non c’era invece Camilla Neriotti, bloccata da un’infezione a un dito. Molte assenze fra le varesine: oltre al libero Beatrice Parrocchiale, ormai stabilmente con l’A1 di Gianni Caprara, mancavano Francesca Napodano (con l’Under 18) e le infortunate Elena Perinelli e Chiara Colombo.

Famila HabiMat Chieri ’76-Gso Villa Cortese 3-1 (17-25/ 25-21/ 25-23/ 25-11)
FAMILA HABIMAT CHIERI ’76: Gioria 3, Gioia 16, Soriani 13, Zannini 6, Burzio 5, Mautino 14; Magaraggia (L); Bazzarone, Levra Levron 2, Fasano 1, Pesce, Nada. N.e. Vergnano (2L). All. Gallo, 2° Marangio.
GSO VILLA CORTESE: Rosso 3, Garbarini 4, Danesi 8, Figini 10, Sylla 24, Ferrara 12; Bonvicini (L); Redaelli. N.e. Ruben. All. Bardelli.
ARBITRI: Ponzo di Cuneo e Giusso di Genova.
NOTE: Presenti circa 500 spettatori. Durata set: 22′, 27′, 28′, 21′. Battute vincenti: 7-5. Errori in battuta: 6-11. Muri: 6-9.
La cronaca
Primo set – La squadra allenata da Franca Bardelli rompe gli indugi sul 2-3 salendo a 6 con Sylla e Figini. Ai due punti di Mautino (4-6) seguono un nuovo allungo ospite (4-9) e un riavvicinamento chierese (7-9). Soffrendo molto in ricezione e la solidità avversaria, sul 10-12 il Chieri ’76 incassa un parziale di 0-4 (due punti di Garbarini). Il distacco si fa ancora più corposo nel finale (14-23). Levra Levron, subentrata sul 14-22, realizza il 17-24 per poi attaccare fuori il pallone del 17-25.
Secondo set – Gioia ha un buon impatto sul set finalizzando i primi due scambi, grazie anche a una bella difesa di Mautino. Con gli ace di Zannini, Mautino e Soriani il Famila HabiMat sale a 10-4, per arrivare avanti 16-12 alla seconda sosta tecnica. Sul 20-15 (pipe di Mautino) gli errori di Zannini e Gioia e un attacco di Sylla favoriscono la rimonta di Villa Cortese. Mautino e Soriani siglano due punti cruciali, ancora Soriani firma in fast il 23-21. Capitan Burzio e il muro Burzio-Soriani portano le due squadre sull’1-1.
Terzo set – E’ punto a punto fino al 7-7. Qui Sylla è artefice del primo break a favore della sua formazione (7-10), a cui rispondono però Gioia e Mautino su turno di battuta di Burzio (12-10). Ferrara e Sylla realizzano il controsorpasso (16-17). Mautino è decisiva sul 21-21 e soprattutto sul 22-22, quando pesca il mani-out a conclusione di uno scambio problematico. In seguito la squadra di Max Gallo dimostra di saper soffrire: Soriani strappa il 23-23 al terzo tentativo, Danesi schiaccia a lato, infine Burzio attacca lungo trovando però il tocco del muro varesino: è 25-23.
Quarto set – Parte forte il Chieri ’76 con Gioia (5-1) ma Villa Cortese risponde con Figini e Sylla (5-6). Soriani sigla due dei punti biancoblu nel successivo break di 6-0. L’incontro termina di fatto sul 15-10: l’invasione fischiata a Danesi manda in battuta Gioria, e da qui il Famila HabiMat trova un altro filotto (8-0) propiziato anche da due ace della sua alzatrice. Levra Levron e la doppia in palleggio di Rosso concludono la gara sul 25-11.

I commenti
Max Gallo: «Era importante vincere. Siamo entrati in campo con molta tensione, figlia anche del momento che stiamo vivendo. Abbiamo fatto poi una buona gara, punto a punto, Villa Cortese non ci ha regalato nulla anzi anche loro hanno fatto bene. Sono contento del risultato, dovevamo essere più pratici e lo siamo stati. C’è sempre la volontà di fare bene e sicuramente queste ragazze ci provano sempre, non sempre però ci si riesce. Mi è piaciuta la capacità di gestire le difficoltà: altre volte avevo visto molta frenesia e poca lucidità, oggi siamo stati più compatti, è un bel segnale».
Bruna Mautino: «Questa vittoria ci voleva assolutamente. Dopo tre sconfitte, di cui una casalinga, il morale non era dei migliori. In settimana abbiamo lavorato per diventare più coese come gruppo, perché nelle difficoltà tendiamo un po’ a disperderci anziché unirci. Oggi partendo sotto 0-1 il gruppo è stato fondamentale per riprendere in mano la partita. Sono soddisfatta anche della mia prestazione, sto lavorando tanto con Max e vedo che dà i suoi frutti: continuiamo su questa strada».

(Foto di Marco Zanetti)