Chieri ’76-Pinerolo 3-1, bottino pieno nel quarto derby della stagione

Quarto derby stagionale fra Famila HabiMat Chieri ’76 e Banca di Cherasco Bentley Pinerolo, e seconda affermazione casalinga su due per le chieresi.
Il 3-1 a favore delle ragazze di Max Gallo arriva a termine di un incontro un po’ discontinuo da parte di entrambe le squadre, con più giocatrici decisive in fasi diverse del match. Burzio e compagne sanno reagire alle difficoltà, nel complesso mostrano qualcosa in più e meritano il risultato pieno, il secondo consecutivo, andando a consolidare il settimo posto in classifica.

Famila HabiMat Chieri ’76-Banca di Cherasco Bentley Pinerolo 3-1 (25-22/ 28-26/ 15-25/ 25-19)
FAMILA HABIMAT CHIERI ’76: Bazzarone, Gioia 11, Soriani 11, Neriotti 10, Burzio 15, Mautino 14; Magaraggia (L); Gioria 3, Pesce, Levra Levron, Cappiello 1, Fasano. N.e. Vergnano (2L). All. Gallo, vice Marangio.
BANCA DI CHERASCO BENTLEY PINEROLO: Bonifazi 4, Mascherini 11, Midriano 14, Gobbo 10, Serrano 14, Coatti 9; Lisdero (libero); Nadia Bertolotto, Bellei 1, Boffi, Alessandria. N.e. Rostagno. All. Mucciolo, vice Merlo.
ARBITRI: Gagliotti e Guglielmoni di Varese.
NOTE: presenti circa 500 spettatori. Durata set: 28′, 33′, 25′, 27′. Errori al servizio: 15-7. Ace: 8-8. Muri: 14-12.

LA CRONACA
Primo set – Frazione segnata da molti errori, col Chieri ’76 più preciso negli scambi conclusivi. Sul 9-7 il turno di battuta di Gobbo e tre punti dell’altra centrale Midriano (due primi tempi e un muro su Neriotti) portano Pinerolo sul 9-13: qui Gioria dà il cambio a Bazzarone, partita titolare. Il Famila HabiMat si riavvicina con Burzio e Mautino firmando il sorpasso sul 18-17. Lo strappo vincente da 20-20 a 24-20, con l’attacco risolutivo di Gioia che da posto 4 sfonda il muro avversario.
Secondo set – Con Burzio in grande spolvero, autrice di quattro punti consecutivi sul 10-6, le biancoblu salgono a 14-7 ponendo un’ipoteca sul set. La squadra di Mucciolo non ci sta e rientra grazie a Mascherini e alla solita Midriano (15-13). Da lì in avanti il Chieri ’76 mantiene sempre un paio di punti di margine fino al 24-21. Pinerolo annulla tre palle set, le prime due con Coatti, la terza grazie a un errore chierese in attacco. Altri due set-point locali annullati, infine sul 27-26 un muro di Soriani su Mascherini vale il 2-0.
Terzo set – Il Famila HabiMat va subito sotto 2-6. L’ingresso sul 3-8 di Cappiello, al debutto al PalaMaddalene proprio contro la sua ex squadra, non basta per modificare l’andamento di un set che ha le sue principali protagoniste in Serrano e Gobbo. Il 14-19 di Soriani è l’ultimo punto locale: la frazione termina 14-25.
Quarto set – Inizio faticoso per il Chieri ’76 che si ritrova a inseguire 3-7. Il vento inizia a cambiare direzione dopo il rientro di Mautino sul 4-8. Il pareggio sfiorato sul 10-11 (muro di Soriani) si concretizza a 14 con Neriotti, artefice poi di un prezioso turno di servizio dal 17-16 al 22-16 in cui spiccano tre attacchi vincenti di Mautino. Gli ultimi punti sono tutti di Soriani: due muri e la fast che pone fine alla contesa.

I COMMENTI

Max Gallo: «Abbiamo giocato una partita un po’ altalenante, contro una squadra che viene da una serie di risultati negativi ma ha giocato sempre delle buone gare. Nel secondo sei abbiamo mollato un po’ sul 14-7, e nel terzo abbiamo mollato con la testa mentre loro sono cresciute giocando bene, poi per fortuna nel quarto set ci siamo ripresi. Abbiamo fatto un po’ fatica in ricezione, soprattutto in casa possiamo gestire meglio questo fondamentale. Sono soddisfatto per come abbiamo reagito alle difficoltà, grazie anche ai cambi e alla panchina che hanno dato il loro contributo».
Sonia Gioria: «Sono contenta di essere tornata e sono contenta di questa prestazione perché Pinerolo ha fatto una buona partita, e noi dopo aver perso il terzo set siamo state brave a reagire, secondo me giocando anche bene. Mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra che è stata sempre attaccata alla partita, anche nei momenti difficili. Ora sono molto stanca, ma dopo uno stop di un mese credo sia normale, tanto più che prima c’era già stato un altro infortunio. A parte la stanchezza mi sento bene, sono contenta anche del mio recupero».