Il Chieri ’76 under 13 torna dal Bear Wool Volley col sorriso

Il Chieri ’76 under 13 ha preso parte a Biella al Bear Wool Volley. Un momento davvero emozionante per le biancoblu, visto che si trattava del primo grande torneo a cui abbiano mai partecipato.
La delegazione era composta da Amato, Bechis, Conti, Fresegna, Marocco, Mereuti, Letizia Nicchio, Isabella Nicchio, Roasio e Tidona, con le allenatrici Simone Garavello e Valentina Zanirato, e nella prima giornata anche Sergio Welters.

Sebbene il girone non fosse dei più semplici il Chieri ’76 si è classificato 7° su 12 partecipanti, prendendosi anche la soddisfazione di portare lo squadrone dell’Union Volley sul punteggio di 10-10 al terzo set.
La finale per il 7° posto contro il Montaldo Dora si è giocata su tre set, primi due molto combattuti da ambo le parti, quindi un terzo concluso con un perentorio 15-6 a favore delle chieresi che hanno conquistato coraggiosamente gli ultimi punti con una bella serie di attacchi.
Ogni punto del torneo è stato eseguito dalle biancoblu con determinazione, cuore e tanta voglia di fare, di provarci, di esserci. Come ha detto il coach Garavello «Qualcosina in più si poteva fare», ma il timore di tutti era che si ripetesse la disfatta, soprattutto emotiva, dello scorso torneo dell’Immacolata, e questo non è avvenuto. Chissà, forse il pernottare sotto l’ala protettrice della Madonna Nera di Oropa ha aiutato le ragazze a superare un momento di incertezza.

L’organizzazione biellese del torneo è stata ineccepibile, gli addetti e gli organizzatori si sono dimostrate persone preparate, attente e gentilissime, creando un clima sereno in palestra.
Nelle altre categorie merita un deveroso accenno il bellissimo spettacolo, nonché grande lezione di vita per tutti, che è stata la finale Special Olympics; molto bella anche la finale under 18 maschile che ha visto Mondovì Cuneo imporsi sulla più titolata Bre Banca.

Alla premiazione del torneo, nelle categorie “speciali”, c’è stata anche una bella sorpresa per il Chieri ’76, premiato per la miglior scritta sulla maglietta che recitava “Vincere o perdere ma sempre unite”.
Ogni volta che alle ragazze capiterà di ascoltare Easy Love, la canzone scelta come inno del torneo, sarà impossibile trattenere un sorriso.

SONY DSC