Sono già state compagne nel Fenera Chieri ’76 per due stagioni fra il 2014 e il 2016, e lo saranno anche nel 2017-2018 dopo un campionato in B1 giocato rispettivamente a Pinerolo e Monticelli Brusati. Si tratta di Giulia Salvi e Sofia Moretto, due graditissimi ritorni che aggiungono allo scacchiere di Luca Secchi entusiasmo e qualità.
Raccogliamo i pensieri della centrale romana (che compirà 33 anni fra pochi giorni, il 25 luglio) e dell’opposto di scuola InVolley in queste breve intervista doppia.

Il tuo stato d’animo pensando alla nuova stagione con il Fenera Chieri ’76?
Giulia: «Sono entusiasta. A Chieri mi sono da subito trovata benissimo, è un ambiente che mi piace e sono strafelice di essere tornata. Sono molto felice anche della squadra, di far parte del progetto, e di poter lavorare con un allenatore che conosco per vie traverse ma di cui tutti mi hanno parlato strabene».
Sofia: «Per me è come ritornare a casa, perché Chieri per me è una casa. Conosco l’ambiente, la società, i tifosi, sicuramente sarà un’esperienza bella come lo è stata tre e due anni fa. So di avere tanto da imparare e crescere. Tutti mi hanno parlato benissimo dell’allenatore. Sono contenta delle compagne, quelle che già conosco e le nuove. Non vedo l’ora di iniziare».

In cosa ti senti più cambiata dopo la stagione lontano da Chieri?

Giulia: «Mi sento sempre la stessa, a parte il fatto di avere un anno in più, ma lo spirito è sempre quello di una ragazzina».
Sofia: «È stata la mia prima esperienza fuori casa. Ho imparato a convivere con altre persone, a rapportarmi con loro, a sbrigarmela da sola: tutte cose che mi hanno fatto crescere, di testa e come persona».

Come passerai l’estate prima dell’inizio degli allenamenti?
Giulia: «Sto facendo un camp a Cambiano che si concluderà la prossima settimana. Poi farò un po’ di vacanze. Andrò una settimana al mare con la mia amica Veronica Minati, a cui sono molto legata dal tempi di Ornavasso».
Sofia: «Divertendomi, giocando un po’ a beach volley, stando con gli amici e godendomi il mare… oltre naturalmente a tenermi in forma seguendo il programma che mi ha assegnato Davide Stocco».

Cosa vuoi dire alla tua compagna?
Giulia: «Che sono contentissima di poter di nuovo giocare con Sofia, che mi è mancata, che non vedo l’ora di rivedere la mia cucciola».
Sofia: «A zia Giuly – la chiamo zia perché per me è sempre stata una figura importante, come giocatrice e come persona – dico che sono entusiasta di poter giocare un altro anno con lei e di prendere qualche altro rimprovero a muro».