Giulia Angelina & Elena Perinelli, ancora insieme al Fenera Chieri ’76

Entrambe hanno già vissuto l’A1, una da comprimaria a Busto Arsizio, l’altra da capitano del Club Italia. Quest’anno hanno dato il loro contributo per la promozione del Fenera Chieri ’76 nella massima categoria, e nella prossima stagione continueranno a difendere i colori biancoblù. Sono le schiacciatrici Giulia Angelina ed Elena Perinelli, confermatissime per il 2018-2019. Ne parliamo in questa intervista doppia.

Avanti tutta con il Fenera Chieri ’76, anche in A1. Cosa provi?
Giulia: «Sono contenta. Poter giocare a Chieri la categoria che ci siamo guadagnate sul campo è qualcosa di nuovo e stimolante per tutti. Ci sono grandi motivazioni. Faremo di tutto per mantenere la categoria e sono contenta di farlo in un ambiente che conosco e dove mi sono trovata bene».
Elena: «Sono felicissima. Dopo un anno come quello che abbiamo passato, in cui abbiamo compiuto una vera impresa e che mi ha lasciato tantissimi ricordi positivi, rimanere a Chieri è una spinta in più per continuare a divertirci e per continuare a fare quel che abbiamo fatto».

Hai già giocato in A1. Quanto è grande il salto rispetto all’A2?
Giulia: «Conosco l’A1 soprattutto da fuori, per averla vista: ero la bimba che andava a seguire le partite. Viverla da protagonista sarà un’esperienza diversa, come se fosse la prima volta. Rispetto all’A2 la differenza tecnica e fisica è grande. Poi, ovvio, ci sono squadre che hanno qualcosa fuori dal comune, giocatrici che hanno fatto le olimpiadi, di livello talmente alto… Ma non è con loro che dovremo confrontarci: faremo campionati diversi con obiettivi diversi. Da parte nostra non mancheranno né l’entusiasmo di giocarcela contro squadre più o meno al nostro livello, né la voglia di provare a giocarcela dando tutto anche contro gli squadroni».
Elena: «Sicuramente l’A1 è uno dei campionati più importanti del mondo. Credo sia una bella opportunità sotto tutti i punti di vista. Ci confronteremo con le giocatrici più forti del mondo, con una pallavolo di livello altissimo… Proveremo a divertirti e soprattutto a salvarci, che alla fine è il nostro obiettivo».

E i tuoi obiettivi personali?
Giulia: «C’è da alzare l’asticella, quindi spero di poter migliorare sotto qualsiasi punto di vista, da quello tecnico a quello mentale. Sarà tosta e servirà il meglio di ognuna di noi per poter fare bene».
Elena: «Sono un po’ sempre gli stessi: crescere e migliorare nei fondamentali, sia quelli che riescono meglio sia quelli dove sono più carente, sempre ai fini e in un contesto di squadra».

Cosa vuoi dire alla tua compagna?
Giulia: «Prima di tutto dovrei ringraziare te e tutte quante per aver capito le mie mancanze di equilibrio… in tutti i sensi! Poi visto che durante i play-off abbiamo festeggiato tanto perché avremmo saltato i nostri esami in università, ora che li dobbiamo fare hai tutto il mio sostegno morale per questi giorni sommersi dai libri. E, per il prossimo anno, ci auguro di trovare cabale buone quanto i gelati di quest’anno, e si spera altrettanto fortunate. Buona nuova avventura a noi!».
Elena: «Posso solo dirti che sono contenta di ritrovarti il prossimo anno, ma solo dopo aver svolto l’attività per cui ti sei allenata veramente tutto l’anno: vestirti da bagnino! (Anche se comunque ho sempre vinto io la sfida dei migliori colori, e tu e Yas sapete di cosa parlo). E in bocca al lupo per gli esami!».