lug 22 2014

Sofia Moretto attacca per il Fenera Chieri ’76

Il diploma di maturità scolastica l’ha ottenuto poche settimane fa, ora con il Chieri ’76 punta a raggiungere la maturità pallavolistica. E’ Sofia Moretto, nuovo opposto del Fenera Chieri ’76 per il prossimo campionato di B1.
Torinese classe 1995, Soria Moretto compirà 19 anni il 1° ottobre. E’ alta 182 cm. Può essere considerata un attaccante puro visto che in carriera ha sempre giocato opposto. Ha mosso i primi passi nella Lasalliano per approdare giovanissima all’InVolley: a Cambiano ha preso parte a diversi campionati dall’Under 13 all’Under 16 partecipando anche alle finali nazionali. In seguito ha giocato tre anni nella Lilliput Settimo fra serie C e B1. Nell’ultima stagione ha fatto parte del progetto Volley Doc Asti in B1. Ora approda a Chieri dove continuerà a indossare la sua maglia numero 17.
«Far parte di una squadra come il Chieri ’76 è sicuramente una grande opportunità per me - spiega Sofia – Allenarmi con una squadra forte è un’occasione di confronto e di crescita, psicologicamente e tatticamente».
Parlando di sé nel rettangolo di gioco, il nuovo opposto del Fenera Chieri ’76 si descrive così: «Sono una giocatrice emotivamente abbastanza fredda, quando devo entrare in campo riesco a trattenere le emozioni. Se do l’idea di essere timida, chiusa e poco esuberante, è perché sono sempre concentrata sulla partita». E la Sofia al di fuori della palestra? «Il tempo per uscire e stare in compagnia è poco, finora la mia vita è stata concentrata sullo sport e sullo studio - risponde – Vedremo ora come cambieranno le mie giornate con l’università. Probabilmente mi iscriverò a Economia Aziendale».

lug 19 2014

B1 2014-2015, ecco il girone A

Scaduto il termine per le iscrizioni, l’Ufficio Campionati della Fipav ha definito la composizione dei gironi di B1 e B2 per il 2014-2015.
Al suo quarto anno in B1 il Fenera Chieri ’76 è stato inserito nel girone A insieme ad altre sette squadre piemontesi e sei lombarde. Rispetto alla passata stagione le novità sono l’Igor Volley Trecate (che ha acquisito il titolo sportivo di Sala Consilina), e le neopromosse Collegno Volley Cus Torino, Properzi Volley Lodi e Volleyteam Castellanza.

Questo il girone A nel dettaglio:
Us Junior Casale
LPM Mondovì
Igor Volley Trecate
Collegno Volley Cus Torino
Lilliput Settimo
Eurospin Ford Sara Pinerolo
Fenera Chieri ’76
Red Volley Villata
Foppapedretti Bergamo
Tecnoteam Albese
Unendo Yamamay Busto Arsizio
Volleyteam Castellanza
Progetto Volley Orago
Properzi Volley Lodi

Il pdf con la composizione di tutti i gironi di B1 e B2, aggiornata al 19 luglio, è scaricabile al seguente indirizzo: gironi B1 e B2 2014-2015

lug 18 2014

L’esperienza e i muri di Giulia Salvi al servizio del Fenera Chieri ’76

Giulia Salvi

La maglia numero 14 libera da un paio di stagioni ha una nuova proprietaria: Giulia Salvi. L’esperta romana, 30 anni il prossimo 25 luglio, è una giocatrice del Fenera Chieri ’76. Va a rinforzare il reparto centrale che fin qui contava soltanto Valentina Soriani.
Giulia Salvi ha iniziato la sua carriera di pallavolista nelle giovanili della Casal de’ Pazzi. Dal 2002 al 2007 ha militato in B2 e B1, per esordire in A2 a Ostiano nel 2007-2008. Dopo due annate a Lamezia Terme e Reggio Emilia ha giocato dal 2010 al 2013 a Ornavasso: lì ha vinto per due volte la Coppa Italia di B1 e un campionato di B1, e conquistato la promozione in A1. Nell’ultima stagione in A2 ha difeso i colori di Sala Consilina.

Giulia, al pari di Beatrice Francesconi, con Ornavasso anche tu eri già passata dal PalaMaddalene come avversaria. Che ricordi hai di quelle partite?
«Chieri è una realtà che mi ha sempre colpito quando ci ho giocato contro, anche per il suo tifo molto caloroso. Poi è arrivata questa chiamata e ne sono stata contenta. Il progetto mi sembra molto interessante per fare un ottimo campionato. Sono davvero felice di farne parte».
Fra A2 e A1 a Chieri ha giocato per tre anni un’altra centrale romana che ha lasciato ottimi ricordi, Viviana Corvese, mentre quest’anno a Sala Consilina hai avuto come compagna di reparto Camilla Neriotti. Cosa ti hanno raccontato di Chieri?
«Con Viviana credo di aver giocato una sola volta da avversaria, non la conosco di persona, è sicuramente un bel centrale. Camilla mi ha parlato molto bene di Chieri».
Che effetto ti fa tornare a giocare in Piemonte?
«I tre anni a Ornavasso sono stati fantastici. L’inizio è stato un po’ difficile, eravamo tutte quante nuove, mancava l’amalgama e la squadra non girava. Poi abbiamo iniziato a conoscerci e si è creato qualcosa che non si è più sciolto fino ai play-off che ci hanno portato in A1: la squadra alla fine era la stessa, con l’innesto di un palleggio. A Ornavasso ho lavorato tanto e sono molto cresciuta, senz’altro quell’esperienza ha fatto di me una giocatrice migliore».
Descriviti come giocatrice a chi non ti conosce.
«Il muro è sempre stato il mio punto di forza. Sono un secondo centro, un centrale con esperienza, almeno da un punto di vista anagrafico, ma lo spirito è molto giovane (ride)».
Torni in B1 dopo due campionati in A2. Come vivi la discesa di categoria?
«Vado dove ho stimoli. Per fare un campionato in A2 dove non ho stimoli, preferisco di gran lunga una B1. Ho vinto quel che dovevo vincere e sono contentissima, ma nonostante l’età non è che non si ha più voglia di giocare, anzi».
Giulia Salvi al di fuori della palestra?
«Mi piace tutto lo sport, in generale, anche d’estate faccio sempre qualcosa per non stare ferma. Amo gli animali, in particolare il mio cane che adoro. Dopo il liceo artistico avrei voluto studiare architettura, ma ho scelto la pallavolo. Da qualche anno sto cercando di indirizzare la mia vita a qualcos’altro quando smetterò di giocare, devo trovare la mia direzione».
Che campionato ti aspetti?
«Ho già giocato in tutti i quattro gironi della B1. Il girone A è il più difficile, è dove ci sono le squadre più preparate e forti. Questo è uno stimolo in più per fare bene, ti dà più carica, più voglia, più gusto di vincere».

lug 14 2014

Chiara Burzio si prende un anno sabbatico

Chiara BurzioLa prossima stagione Chiara Burzio non sarà più una giocatrice del Fenera Chieri ’76. E’ un arrivederci al rettangolo di gioco, non alla pallavolo né al Chieri ’76 di cui “Buby” continuerà a far parte come tecnico delle giovanili. Fatto sta che dopo 176 partite, tutte quelle che il Chieri ’76 ha giocato nei suoi primi cinque anni di vita, la maglia numero 13 non verrà più indossata dal suo capitano di lungo corso. Inutile nascondere che la cosa farà un certo effetto.
La scelta di Chiara è… chiara: le serve un anno sabbatico. «Con gli anni gli impegni sono aumentati, ormai coniugare lavoro e pallavolo facendo entrambe le cose al meglio era sempre più difficile - spiega – Per questo ho deciso di alleggerire un po’ gli impegni. L’anno prossimo vorrei crescere da un punto di vista lavorativo, anche attraverso una serie di corsi per migliorarmi nella mia professione di dentista, inoltre vorrei dedicarmi un po’ di più alla famiglia. Senz’altro mi mancheranno tante cose, credo soprattutto il divertimento e il clima dello spogliatoio, ma sono convinta della scelta che ho fatto».
Come già accennato, Chiara Burzio continuerà a far parte del Chieri ’76. Affiancherà Simona Garavello come viceallenatrice delle squadre Under 16 e Under 18. «La passione per la pallavolo resta comunque forte, poi nel Chieri ’76 mi trovo benissimo, per questo ho accettato di dare una mano con le giovanili. Non ho mai allenato prima, sono curiosa di vedere come andrà».

Scontato, ma sincero: grazie da parte di tutto il Chieri ’76 a “Buby” per quanto ha fatto in questi anni. Condividerli è stato un piacere. Con altrettanto piacere è bello constatare che si può anche cambiare tutto affinché non cambi nulla, per proseguire insieme il cammino.

lug 11 2014

Ecco Beatrice Francesconi, nuova schiacciatrice del Fenera Chieri ’76

Si chiama Beatrice Francesconi, ed è la nuova schiacciatrice del Fenera Chieri ’76. Nata a Parma il 22 gennaio 1988, “Bea” è reduce da un’esaltante stagione nella Bakery Piacenza con cui ha conquistato la promozione in A2. Ora ha scelto il biancoblu per iniziare una nuova avventura e per la prima volta in carriera giocare in una squadra non emiliana.
Beatrice, hai già affrontato il Chieri ’76 da avversaria, tre stagioni fa a Collecchio, quest’anno con Piacenza. Che impressione hai avuto?
«E’ una squadra che ha sempre lottato fino alla morte, questo mi ha sempre colpito. L’ambiente, mi è stato detto, e ne ho avuto conferma quando ci siamo conosciuti, è molto serio. Max Gallo è un buonissimo allenatore. Ci sono tutti i presupposti per fare bene».
Hai giocato al PalaMaddalene l’ultima volta lo scorso 21 maggio, gara2 dei play-off, una vittoria per 0-3 per la Bakery che ha concluso la stagione del Fenera Chieri ’76. Come hai vissuto quell’incontro dalla tua parte della rete?
«Noi eravamo una squadra di ragazze con tanta voglia di fare bene ma di categoria, aggiungi due professioniste come Laura Nicolini e Manuela Secolo che si sono messe completamente a servizio della squadra, e con loro a fare da traino siamo migliorate tutte, è inutile nasconderlo. Avevamo trovato la quadratura del cerchio e stavamo giocando veramente bene, non era facile giocare contro di noi. Nonostante il punteggio e le difficoltà, Chieri non ha mollato una palla e ha mostrato una grinta che si vede in poche squadre. Poi il tifo. Non abbiamo mai incontrato un tifo così. Nonostante la squadra fosse magari in difficoltà, anche il tifo non ha mollato un attimo».
Parliamo di te. Come ti presenteresti a chi non ti conosce?
«Sono una persona molto solare e positiva. Vado d’accordo con tutti, non ho mai grossi problemi con nessuno e questo si trasmette anche in campo dove cerco di mettere tutto quello che ho, che sia grinta, un sorriso quando magari si commette un errore, una pacca sulla spalla, e molto spesso queste cose mi sono tornate indietro perché grazie a Dio ho sempre avuto dei gruppi fantastici dov’è filato tutto liscio».
I tuoi pregi maggiori da giocatrice?
«A livello pallavolistico, penso l’attacco e il muro. Ma il mio primo punto di forza è un altro: per me la pallavolo è innanzitutto passione, tanta. Mi piace, mi piace lavorare tanto, mi piace allenarmi e stare in palestra. Per le cose tecniche sarà l’allenatore a dire dove dovrò migliorare, sono nelle mani di Max adesso (ride)».
Ci racconti qualcosa di te al di fuori della palestra?
«Sono iscritta a ingegneria gestionale a Parma, mi manca l’ultimo anno per la laurea magistrale. Hobbies, come tutti: mi piace uscire, trascorrere tempo col mio fidanzato. Il mio vero passatempo sarebbe il beach volley, mi piace tantissimo. Purtroppo con gli esami, le sessioni estive, non mi ci sono mai potuta dedicare al 100%, magari provare a fare qualche torneo serio. Ma mi piace da morire giocare al beach volley, giocherei solo a beach volley (ride)».
Cosa ti aspetti dalla nuova stagione?
«Vengo da un anno fortunatissimo ed eccezionale a cui è mancata soltanto la qualificazione in Coppa Italia. La mia prima promozione in A2 giocando da titolare in campo è stata impagabile. Spero che anche il prossimo sia un anno bello e pieno di soddisfazioni. Le premesse ci sono tutte».

lug 08 2014

Quattro conferme e un gradito ritorno: ecco lo staff

Definito lo staff che affiancherà Max Gallo alla guida del Fenera Chieri ’76 per il campionato di B1 2014-2015. Si punta sulla continuità, con quattro conferme e un gradito ritorno.
Tutto invariato nello staff tecnico. La viceallenatrice sarà sempre Ivana Druetti, confermatissimo anche lo scoutman Luca Moncalvo. Entrambi alla seconda stagione nel Chieri ’76, potranno continuare il lavoro iniziato un anno fa garantendo quel valore aggiunto che in tante circostanze ha fatto la differenza.
Invariato pure lo staff sanitario che continuerà a contare sia sulla massofisioterapista Giorgia Valetto, veterana della pallavolo chierese, sia sul medico sociale, il dr. Riccardo Lorenzini.

L’unica novità è il preparatore atletico. Marco Sesia saluta Chieri dopo due stagioni. A lui va il ringraziamento del Chieri ’76 per il lavoro svolto e un grosso in bocca al lupo per la nuova avventura professionale che lo attende.
Il sostituto è un volto già conosciuto: Davide Stocco. Chierese classe 1981, dopo la gavetta nell’InVolley ha già collaborato con il Chieri ’76 in B2 nei primi due anni di vita della società. Particolarmente vivo il ricordo del 2010-2011 quando centrò una doppia promozione, in A1 con il Chieri Volley Club e in B1 con il Chieri ’76.
«Ho dei bellissimi ricordi di questo palazzetto, è una grande emozione tornare a lavorare in questo rettangolo di gioco - ammette Davide – Sono da sempre legato ai luoghi e alla gente del Chierese da cui faccio fatica a staccarmi. Sono un professionista, ma in quanto chierese sono anche un tifoso di questa squadra. Da chierese doc non posso chiedere di più. Con Max Gallo l’intesa c’è già stata anni fa, i presupposti sono quelli di poter lavorare bene, come con tutto il resto dello staff. Sul Chieri ’76 non ho dubbi, è una società con dei buoni e sani principi: questa è la cosa che mi attira di più».
Il pensiero finale di Davide Stocco è per il suo predecessore Marco Sesia: «Non ci conosciamo di persona ma conosco bene il metodo di lavoro suo e di Alessandro Contadin, mi piace, in più occasioni ho preso da loro svariati spunti. So che Marco è stato benvoluto e ha lasciato un ottimo ricordo, darò tutto me stesso per raccogliere la sua eredità nel migliore dei modi».

lug 06 2014

Al centro c’è ancora Valentina Soriani

Al centro della rete c’è ancora Valentina Soriani. Quarta conferma per il Fenera Chieri ’76 in vista del prossimo campionato: dopo Agostino, Migliorin e Bersighelli, anche Soriani nel 2014-2015 continuerà a vestire il biancoblu. Sarà la sua quinta stagione a Chieri e il sesto anno con Max Gallo che già l’aveva allenata al S. Orsola Alba.
Oltre che per il ruolo in campo, nell’ultima stagione “Vale” si è distinta per l’attività di allenatrice della squadra di sitting volley: un ruolo non meno importante di quello che svolge da atleta, che rende il Chieri ’76 doppiamente felice di poter ancora contare su di lei.

giu 26 2014

Fenera Chieri ’76 & Bersi, la storia continua

Silvia Bersighelli sarà la palleggiatrice del Fenera Chieri ’76 anche nella prossima stagione. Dopo le conferme di Ylenia Migliorin e Silvia Agostino, prosegue dunque il rapporto con una delle veterane del gruppo.
«Bersi» è già carica a mille e non vede l’ora di ripartire. «Riesco a lavorare bene a Chieri perché ci sono tante persone che credono in me, quando hai così tanta positività intorno non puoi che fare bene. Sono contentissima di restare. Sono convinta di poter migliorare ancora e spero di poter essere un punto di riferimento, soprattutto per le ragazze nuove che magari arriveranno».
Silvia si dice pienamente fiduciosa «nella società, in Max Gallo e in tutto lo staff, sono sicura che anche l’anno prossimo riusciranno a comporre una squadra con giocatrici umili che hanno voglia di lavorare e fare bene». L’auspicio, nemmeno troppo nascosto, è centrare di nuovo la qualificazione ai play-off, com’è sempre avvenuto nelle sue tre stagioni in biancoblu. Più che alle avversarie però l’alzatrice preferisce guardare a se stessa e al suo Chieri ’76: «Sicuramente non saremo più una sorpresa e non faremo un campionato da matricole, tutti ormai ci conoscono e conoscono il nostro modo di lavorare. La voglia di migliorarci è tanta: ci proveremo con tutte le nostre forz. Sono sicura che ancora una volta il gruppo farà la differenzae».

giu 19 2014

Silvia Agostino e Ylenia Migliorin primi punti fermi per il 2014-2015

Ecco i primi punti fermi per il campionato 2014-2015: il libero Silvia Agostino e la laterale Ylenia Migliorin. Le due giocatrici difenderanno i colori del Fenera Chieri ’76 anche nella prossima stagione.

Reduci entrambe dalla loro prima stagione in biancoblu, tanto «Woody» quanto «Miglio» sottolineano la soddisfazione di poter proseguire il percorso iniziato nell’estate 2013.
«Inutile dire che sono molto soddisfatta della stagione trascorsa a Cheri - spiega Ylenia – Un anno fa si era iniziato con grande entusiasmo da parte di tutti e le attese sono state ripagate. Non ho mai avuto dubbi sul mio desiderio di rimanere a Chieri. Il fatto di essere stata riconfermata è per me un grande onore, sicuramente frutto del lavoro svolto insieme, ma quello che forse mi fa più piacere è che sia stata data fiducia alla mia persona e al mio modo di lavorare».
«E’ stata una stagione positiva su tutti i fronti, con la ciliegina delle finali di Coppa Italia: un’esperienza meravigliosa che mi porterò dentro per tutta la carriera - aggiunge Silvia – Mi sono trovato benissimo come squadra, staff, ambiente, tifosi. La società da parte sua si è dimostrata presenta e seria sotto tutti i punti di vista, un altro aspetto importantissimo. Anche con le compagne i rapporti sono sempre stati ottimi. Sono stracontenta di restare».

Troppo presto per parlare della prossima stagione, qualcosina comunque si può già iniziare a dire.
Silvia Agostino non nasconde l’intenzione di «Provare a migliorarci. Quest’anno sicuramente il lavoro e il sacrificio in palestra sono venuto fuori. Siamo cresciuti tutti, individualmente e come gruppo. Partendo da queste premesse siamo tutti motivati per cercare di fare qualcosa di meglio».
Quanto a Ylenia Migliorin, nel 2014-2015 ci sarà una novità in campo: «Tornerò a giocare da schiacciatrice. Non essendo il mio ruolo di punta, quest’anno da opposto ho offerto prestazioni troppo altalenanti. Tornare al mio ruolo originario mi dà molta ambizione e voglia di fare bene, mi sento già carica. Da posto 4 ritengo di poter essere molto più precisa, sicura e incisiva: è l’augurio che faccio a me stessa e a tutto il Chieri ’76».

giu 16 2014

Auguri Ylenia

Quest’anno l’abbiamo vista all’opera soprattutto da opposto, a volte da schiacciatrice/ricevitrice, di recente addirittura da calciatrice. Auguri uni e trini quindi per Ylenia Migliorin, che oggi si aggiunge al gruppo delle venticinquenni. Buon compleanno!

(Foto di maxwell972)

Articoli precedenti «

%d bloggers like this: